Palermo is So(ò)BAROCCO. New faces on the fashion world.

14/07/14







Walking on the streets I can't help to find out that something is changing in Palermo.


New people,new stories come up from the silence to paint the gray sicilian system characterized by people who don't believe in their city anymore and let themselves live following the mass.
Looking on the net I fall into something very classy that cached my attention.
I'm talking about a new capsule collection totally made in Sicily!! 

It's name's So(ò)Barocco and born from the idea of Giovanni Valenti, a young Palermitan dancer that find out to be in love with fashion world as well.
The choice of material and texture is what cached my attention first.







But now let's talk with the designer.


  1.  Dear Giovanni, firstly I want to congratulate myself with you for this fantastic capsule collection. What does push you to pass from dancing to fashion? 

Thank you a lot. Well, there has no been a passage from dancing to fashion to be true, dancing has been my life since 12 years  and continues to be my job, but  I have been always interested in fashion, this year I was particularly next to the sector so I thought «  Why not trying to enter in this world with a personal line? 

2.  So(ò)Barocco. How did you get to this name and which meaning do you associate to it?

The name was born by chance from a shooting that I did with whom would have become my official photographer Silvio Gatto.
I give it two meanings, the english one of « So baroque » and our national meaning  of « sò barocco » ( I’m baroque) according the roman dialect for this reason the « ò » is between parenthesis. 

3.  With your capsule you arrived at the Milan fashion week. What do you think makes different your collection from other ones? 

I think my capsule gives a way to o indulge your whimsm , to have something of innovative and particular, something you can't find in the rest that is usually minimal.

4. Which are the processus in the chose of materials and texture for your clothes? 

I chose the tissues personally going around the center of palermo looking for old cloth shops. I prefer embroidered tissues or painted one instead of simple printed tissues that are eventually  a bit common. 

5. Which are the future  prospectives for So(ò)Barocco? 

I prefer thinking about the present of So(ò)Barocco, so i go step by step  and the next future expect  a whole invernal collection. 

6. There’s not an online catalogue to buy your product yet. How does the processus of request and delivery of the product work?

The catalogue will be published with the A/W collection issue that will be an entire collection,for now the purchase is only online, sending an e mail to sobarocco@gmail.com but we hope to be able to make our t-shirts also in some shops as soon as possible. 

7.  Can your products be purchased abroad? 

Of course, the t-shirts can be sent all over the world, you have only to order them, pay comfortably with a debit and receive the t-shirt at home in less than a month.

8. Thank you for your time. Is there something that you would like to say to your future buyers? 


I’d like to say that the time to dare has come, that wearing ourself doesn’t mean only cover oneself but that we need to experience. And what could be better than a SO(ò)bAROCCO t-shirt to make people see that we are not ashamed of doing it ? 



 



Photographer:  Silvio Gatto

Models: Daniele Agosta, Valerio Panzavecchia, Angelica Perdichizzi. 






Italian version of the interview 

1. Ciao Giovanni, anzitutto vorrei congratularmi con te per questa fantastica capsule collection. Cosa ti spinge a passare dalla danza alla moda?

Grazie mille! Allora in realtà non c'è stato un passaggio dalla danza alla moda, la danza è la mia vita da più di 12 anni e continua ad essere il mio lavoro, ma la moda mi ha sempre appassionato, quest'anno poi sono stato particolarmente vicino all'ambiente, quindi ho pensato perchè non provare ad inserirmi con una mia linea? 

2. So(ò)Barocco. Come sei arrivato a questo nome e che significato gli attribuisci 

Il nome è nato per caso da uno shooting che ho fatto con quello che sarebbe diventato il mio fotografo ufficiale Silvio Gatto. Io gli do due sensi, quello inglese di so barocco e quindi molto barocconche quello un pó più nostrano di só barocco alla romana per questo la ó tra parentesi. 

3. Con la tua capsule sei arrivato alla fashion week. Cosa pensi renda diversa la tua collezione da quelle degli altri?

Penso che dia modo di sbizzarrirsi, di poter avere qualcosa di innovativo e particolare, qualcosa che non puoi ritrovare in tutto il resto che magari spesso è minimal. 

4. Quali sono i procedimenti per la scelta dei materiali e la texture dei tuoi capi?

I tessuti li scelgo personalmente andando in giro per i vecchi negozi di stoffe del centro di palermo, preferisco prendere dei tessuti ricamati o dipinti piuttosto che dei semplici tessuti stampati che magari sono un pó più comuni. 

5. Quali sono le prospettive future per la So(ò)Barocco ?

Io preferisco pensare al presente di SO(ó)BAROCCO quindi vado step by step e il prossimo futuro prevede un'intera collezione invernale. 

6. Ancora non c'è un vero catalogo online per acquistare i tuoi prodotti. Come funziona il processo di richiesta e consegna del prodotto?

Il catalogo verrà pubblicato appunto all'uscità della collezione autunno/inverno che sarà una collezione completa, l'acquisto per adesso è soltanto online, mandando una mail a sobarocco@gmail.com ma si spera al più presto di poter far acquistare le
Maglie anche in alcuni negozi. 


7. I tuoi prodotti possono essere recapitati all'estero?

Certo, le maglie possono essere spedite ovunque in ogni parte del mondo, basta ordinarle, pagare comodamente con un'addebito e ricevere il tutto a casa in meno di un mese. 


8. Grazie mille per il tempo concesso. C'è qualcosa che vorresti dire ai tuoi futuri compratori?

Vorrei dire che è arrivata l'ora di osare, che vestirsi non serve soltanto per coprirsi, ma che bisogna sperimentare. E cosa c'è di meglio di una maglia SO(ó)BAROCCO per far vedere che non abbiamo paura di farlo??


Posta un commento